archivio

Uncategorized

Siamo diventati zombie.

Sono assente dal mio blog da qualche anno e purtroppo devo dire che le cose non vanno bene.

Anni di duro lavoro, poche speranze e prospettive assenti devo sempre sottolineare come il mondo del lavoro sia ancora privo di “umanità”. Per i giovani ormai è la normalità non avere futuro, non poter vivere bene il presente.

Ma quello che più mi preoccupa è che la nostra società si sta appiattendo, voglio dire ormai le persone non reagiscono più, siamo diventati degli zombie che aspettano inesorabili il proprio corso degli eventi. Naturalmente questo non significa che lo si aspetta fermi, ma sempre pronti a sopraffare ingiustamente chi è più debole.

Questo vuole la società social – capitaliste attuali. Non c’è più un dualismo di visione politica che c’era qualche anno fa. 

Keynes blog

precari-tregiorni_021di Guido Iodice e Daniela Palma – da Left del 18 aprile 2015

Dopo che il fallimento della (presunta) austerità espansiva, la Commissione Europea tra il 2013 e il 2014 ha cambiato cavallo. Ora sono le cosiddette “riforme strutturali”, in particolare la deregulation del mercato del lavoro, il refrain delle indicazioni per gli stati membri dell’area euro.

View original post 434 altre parole

Vincenzo Dei Leoni

Hai superato le mie mura … sembra l`inizio di una canzone, una Favola d`amore, scritta da una principessa, in un castello lontano, su una montagna, circondato da foresta oscura, nera e pericolosa … Le mura altissime, cannoni e draghi giganti che sputano fuoco, mangiano persone … la difesa migliore … impossibile avvicinarsi … è tutto questo, per proteggere la cosa più bella … l`unica cosa, che illumina questa foresta …
Un principe, figlio di un Re, buon uomo e famoso, conosciuto da tutti … un Guerriero su un cavallo bianco … accompagnato di un’armata di cinquanta divisioni, soldati, tutti figli di qualcuno … Tutti la desiderano, vogliono questa principessa, ma solo il Principe la può avere …
È tutti in questa foresta oscura, pericolosa, in cerca del castello, l`entrata, sperando di trovare la principessa, la Donna più bella, la luce del cuore … la difesa è il problema, la foresta…

View original post 682 altre parole

Lepanto, l’ultima volta che l’occidente si difese dalle orde di fanatici fondamentalisti islamici. Questa non è una presa di posizione radicale, ma obbiettiva. Non c’è niente da fare, dobbiamo difenderci a casa nostra, senza mandare militari, cartonati e fasulli a perdere tempo in quelle zone. Aiutare i civili con reid aerei, ma nel contempo difendersi da queste orde di nuovi barbari con un blocco dell’immigrazione e di selezionare bene come, dove e quando concedere autorizzazioni a creare moschee.
Eviterei di parlare di divisioni tra fondamentalisti e non, il discorso è che anche se minoritaria, ma la frangia estremista sta di gran lunga prendendo il sopravvento in Iraq e Siria, per non parlare della Libia. Rovesciare, tramite l’intelligence internazionale i vari regimi autoritari è stato un errore e molti se ne stanno rendendo conto. Abbiamo i fondamentalisti libici e due passi da noi. Abbiamo il medio oriente fuori controllo e la minaccia di una guerra mondiale nel confronto Russia Ucraina. La Korea che fa armi nucleari e la situazione tesa in Israele. Questo dopo 13 anni di lotta al terrorismo, tredici anni di guerra tutte perse. Il terrorismo vincerà sempre se si continua ad inviare gente in quei luoghi. Agli Stati Uniti interessa solo il controllo del petrolio nel golfo, Israle ha tutto l’interesse a che Hassad rimanga al potere in Siria e la Libia minaccia l’Europa, ad un passo ricordo che ci siamo noi italiani. Questo è il fallimento dell’ONU e di chi la voluto. La pace è impossibile che la si crei a tavolino quando sotto ci sono forti interessi economici tali per cui si vuole il fomentare di queste crisi per tenere alto il livello di tensione che giustifica investimenti nel settore bellico e per giustificare politiche di sfruttamento.

Durante la guerra Iraq – Iran, gli USA vendevano armi all’Iraq e subito dopo informavano l’Iran che avevano l’arma giusta per contrastare le nuove armi vendute all’Iraq. E’ vergognoso il sistema social – capitalista che sta generando indirettamente, queste guerre. Intanto ci vanno di mezzo sempre gli inermi civili.

08-12-2013 si è votato per le primarie del PD, e che ne è uscito fuori, che a parte che ci sono voluti due euro per votare, la scelta dei candidati non era di certo appagante.

Mateo Renzi, Cuperlo e Civati. Il PD ha da offrire questo come alternativa.

mettetevelo in testa, Matteo Renzi è uno strumento nelle mani della Merkel, è un europeista convinto, farà o meglio, finirà il lavoro di Letta, quindi non è cambiato e non cambierà nulla.

Quello che mi preme dire in questo mio blog è che ormai anche i giovani sembrano essere stanchi e provati da quasi cinque anni di crisi. Ma quel che è peggio è vedere che in prossimità di elezioni le campagne elettorali si fanno più pesanti.

Non ce la faccio più a vedere in tv gente come Berlusconi, Alfano, Renzi, Monti, Santanchè, Biancofiore, Maroni, e quanti altri che antipaticamente si arrogano la capacità di risolvere i problemi della nostra società.

La cosa che mi rattrista di più è vedere che chi è messo male davvero non capisce, addirittura, arrivano ad odiare le vittime e amare i carnefici. C’è chi ancora crede nel PD, chi nel centro e addirittura chi ancora in Berlusconi. Ma come può un uomo portare le sue falsi pene dinnanzi a quasi sessanta milioni di italiani ed essere ancora ascoltato mentre chi ha veri problemi non può nemmeno farne menzione?

Perché dovrebbe interessarci del fatto che alcune vicende legate a Berlusconi c’è chi la vede in un modo e chi in altro modo? Come è possibile che abbiamo ancora un disperato bisogno di rifarci a questi media che non ci informano?

Ballarò, Porta a Porta, Piazza pulita ed altri ancora non affrontano il vero problema che è disinformazione accuratamente messa in atto.

Ma quando si parla di spesa pubblica come un bene e non come un peso? Quand’è che si dirà che più investimenti pubblici fanno bene all’economia? Quando si parlerà della mafia delle lobby dei grandi gruppi bancari internazionali come FMI e BCE? Quando si dirà che più “pezzi” di moneta fanno solo del bene all’economia e che non generano inflazione?

Un’intera generazione (quella dei giovani che oggi vanno dai 18 ai 35 anni) sono letteralmente inguaiati? Quand’è che si dirà che chi non ha ancora un lavoro fisso ed è in età over 35 non avrà speranza se non ci saranno da subito fortissimi investimenti pubblici nell’economia?

Il peso fiscale sarà sempre sulle nostre spalle quindi più che evitare le tasse che trà l’altro servono per i servizi, chiediamoci perché il gettito di tali tasse non viene bene ridistribuito? Chiediamoci perché chi può pagare l’Imu non deve farlo e magari quindi non aiutare i comuni a espletare servizi? Chiediamoci il gettito nostro dove va? Resta in Italia o viene bruciato per non permettere agli italiani di avere “riserva di ricchezza”? Perché il gettito non viene usato per creare nuovi posti di lavoro pubblici?

Bidelli, vigili, soldati, sicurezza, infermieri, medici, amministratori, bibliotecari, ambito di arte e cultura, perché in questi ambiti non ci sono assunzioni? Più assunzioni significano più aiuti ai privati che vedrebbero la loro attività essere incrementata dai maggiori salari messi a disposizione dei salariati pubblici.

Nel sistema capitalista ci sono tre rapporti di forza nell’ambito lavorativo, e la nostra società è basata sul sistema lavorativo impostato su un sistema liberal-capitalista dove fanno il bello ed il cattivo tempo le banche che creano denaro con un click e lo eliminano con un click.

La proprietà della moneta non è del popolo, ma dei privati proprietari delle maggiori banche internazionali. Il denaro siccome è una riserva di valore chi stampa denaro non lo fa con una corrispondenza delle materie prime, ma in base al rapporto di forza nel dar e riprendere doppio. Alle banche non interessa stampare denaro in grosse quantità, perché e come se stampasse debito. Se un pescatore pesca pesci, ed un contadino raccoglie mele potrebbero le due cose scambiarsi 1 a 1. Ed invece no, sono intervenite le banche che con la scusa di facilitare lo scambio hanno stampato biglietti credito che servivano solo allo scambio. Ma avere quei biglietti è più flessibile, si può non solo comprare lo scambio, ma decidere quale scambio fare. Ecco il valore della liquidità. Spendere quando voglio io e per cosa. Ma questa comodità la paghiamo, è il caso di dirlo, a caro prezzo.

In pratica le banche, come già detto, non stampano denaro a caso, perché altrimenti e come se stampassero debito, (alla fine mele e pesce le potremmo voler per forza dalle banche) allora aspettano che siamo noi a chiedergli denaro. Come? Quando accettiamo un sistema capitalistico che prevede di far diventare qualcuno ad una persona solo se ha una base economica (capitale) che anticipando dovrà attivare la produzione e da essa ricavarne lo stesso capitale avanzato più un di più, il guadagno. Ma chi non ha il capitale? Lo chiede alle banche, è le banche in cambio di un lavoro di “tipografia” richiedono dopo lo stesso valore di quella carta (astratta) più un tasso di interesse, che non è il valore dei soldi in se, ma lo schiavismo e le catene che il lavoratore imprenditore anche) devono ridare, indebitandosi una seconda volta ed una terza sempre alle banche.

Se le cose vanno bene per l’imprenditore che succede? Che rimetterà i suoi soldi (quantificazione del lavoro) nelle banche che ri presterà a tassi altissimi, cosa che può generare buchi finanziari, vedi Banca dei paschi di Siena e a rimetterci non sono le banche (responsabili dei nostri risparmi) ma noi che non riavremo i nostri soldi messi nelle banche.

Anche il fatto che ogni lavoratore deve essere per forza munito del conto corrente e dev’essere pagato in astratto, con numeri elettronici, ora già la banca per formare i soldi si fa pagare, poi per trasformali in carta liquida si fa pagare una tassa di prelievo (voluta da Mario Monti). Se tutti i detentori di C/c volessero i loro risparmi semplicemente non li avrebbero tutti, perché astrattamente ci sono i numeri nei computer, ma non i biglietti di carta disponibile.

Il FMI e BCE sono la causa dei mali dell’Italia e dei paesi come, Spagna, Grecia, Portogallo, Irlanda ed altri tipo Argentina, Bolivia, Perù, Panama, Sierra Leone ecc…

Sveglia, svegliamoci, incominciamo a dire NO, incominciamo a ribellarci, studiate il sistema bancario e le finanze, incominciamo a capire che la conoscenza ci rende liberi, non votate PD, NCD, FI e il centro, sono schiavi dell’Ue ed in particolare del FMI e BCE.

Non paghiamo più nessuno!